Chi siamo  |  Link amici  |  Contatti  |  Forum  |  Cerca
Home > Archivio > Newsletter > Numero 57
Cosa Fare Per:

Rimedi Naturali:


Archivio
Newsletter
In questo numero: - Rimedi naturali per l'emicrania.... -.... ... che potrebbe essere provocata anche da un fattore dietetico? - Telefoni cellulari e cancro dell'occhio.
Rimedi naturali per l'emicrania.....

Molte persone sofferenti per ricorrenti emicranie che preferiscono non assumere farmaci per controllare questo fastidioso problema, a causa dei probabili effetti collaterali che questi possono provocare, possono trovare sollievo da alcuni rimedi naturali.

Il dott. David Zeiger, uno specialista nella ricerca e nella terapia delle emicranie all' American Whole Health Center di Chicago, in uno studio ha scoperto che quasi l'87% dei pazienti hanno ottenuto un completo sollievo da gravi sintomi dell'emicrania entro 15 minuti dall'uso della terapia a base di magnesio somministrato per via endovenosa.

Il dott. Zeiger afferma che il dolore dell' emicrania è provocato dal rigonfiamento e dalla costrizione dei muscoli circostanti i vasi sanguigni. Il magnesio agisce mantenendo questi muscoli rilassati.

Altri studi hanno dimostrato che assumere riboflavina ad alte dosi può diminuire la frequenza e la durata degli attacchi. Si ritiene che la riboflavina , meglio conosciuta come vitamina B2, possa essere efficace quanto il magnesio. Come spiega il dott. Zeiger: "Molte persone con frequenti emicranie soffrono per una carenza di vitamina B2".

Anche alcune erbe possono diminuire il dolore: Il partenio, il ginkgo biloba e lo zenzero hanno tutti dimostrato di poter aiutare a controllare il mal di testa. Avvertenza: il partenio potrebbe provocare dermatiti allergiche e ulcerazioni delle mucose, però solo dal contatto con la pianta fresca.
Invece il magnesio potrebbe provocare nausea e vomito se preso ad alte dosi, in ogni caso lo si dovrebbe assumere solo sotto controllo medico.

/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\_/\

... che potrebbe essere provocata anche da un fattore dietetico?

Potrebbe essere utile considerare quanti prodotti a base di grano assumi se soffri per ricorrenti emicranie o mancanza di coordinazione e sei intollerante al glutine. In uno studio che ha preso in esame un gruppo di persone di mezza età a cui era stato eliminato o ridotto il consumo di glutine (una proteina che si trova negli alimenti derivati dal grano o da altri cereali) si è riscontrata una notevole diminuzione dei sintomi dell'emicrania.

Lo studio è stato riportato in uno degli ultimi numeri di Neurology, la rivista scientifica dell' American Academy of Neurology. Lo studio è stato condotto su 10 pazienti con intolleranza al glutine ai quali l'esame di risonanza magnetica aveva evidenziato un'infiammazione al sistema nervoso centrale. Tutti soffrivano per emicranie occasionali ed alcuni per instabilità e perdita di coordinazione muscolare. Dopo aver eliminato gli alimenti con glutine dalla loro dieta, nove pazienti su dieci hanno trovato un totale o parziale sollievo dai sintomi. Un solo paziente non aveva seguito la dieta.

In uno dei casi, un uomo di 50 anni accusava emicranie e nausea assieme a confusione e agitazione. Durante gli ultimi quattro anni aveva sofferto per episodi di emicrania che recentemente avevano aumentato di frequenza e intensità. Dopo aver iniziato la dieta senza glutine, il suo equilibrio è migliorato rapidamente e le emicranie sono completamente scomparse. A conferma dei risultati dello studio, dopo l'interruzione della dieta, le sue emicranie intermittenti sono ricomparse.

In un caso simile, riportato da un altro studio a cura del dott. Marios Hadijvassiliou, un uomo 45enne che aveva sofferto per frequenti emicranie fin da bambino e che con il passare del tempo erano diventate sempre più forti e resistenti ai trattamenti, a seguito della diagnosi di intolleranza al glutine e alla dieta seguente le sue emicranie scomparvero completamente. Come affermato dal dott. Hadijvassiliou: " Rimuovere il fattore scatenante, in questo caso il glutine, può essere un efficace intervento terapeutico"
La diagnosi di intolleranza al glutine e le relative disfunzioni neurologiche dipendono dalla presenza di particolari anticorpi. Inoltre, certi geni rendono alcuni individui maggiormente predisposti a questo disturbo.


============================================

Continua l'iniziativa " TERAPIE NATURALI, DOVE? ". Stiamo cercando di costruire un database che sarà a disposizione degli abbonati che chiedono di conoscere se nella propria zona di residenza ci siano medici, centri od operatori sanitari orientati alla medicina naturale. Il nostro obiettivo è quello di creare un database dove inserire gli operatori suddivisi per provincia o regione e per specializzazione: omeopatia, chiropratica, pranoterapia, agopuntura, riflessologia, ecc. oppure per patologie trattate. Il vostro contributo quindi è determinante per poter fornire, a chi ne ha bisogno, la possibilità di una scelta il più possibile compatibile con le proprie esigenze. Chiediamo a chi è interessato ad essere inserito negli elenchi di farci sapere nome cognome, indirizzo, telefono e specializzazione. Quindi chiediamo anche il contributo degli abbonati che possono proporre al proprio naturopata che forse non ci conosce ma che potrebbe essere interessato all'inserimento nel nostro database.
Giustamente è stato fatto notare che i medici non possono farsi pubblicità o descrivere la propria attività se non con la sola specializzazione.
Riteniamo che la forma scelta può non essere considerata pubblicità in quanto il database non sarà visibile liberamente su internet, sarà ad esclusivo uso dei lettori di Naturmedica, che potranno richiederci il nominativo di un operatore di zona, oppure se le richieste saranno in numero troppo elevato da gestire, ci potrà eventualmente essere un accesso protetto tramite password.
Grazie.
Potete inviare i dati cliccando il seguente link:

mailto:naturm@naturmedica.com


=============================================

Telefoni cellulari e cancro dell'occhio.

Un recente studio ha collegato per la prima volta l'uso dei telefoni cellulari al cancro negli esseri umani, con particolare riferimento al cancro dell'occhio.

E' ormai dimostrato che la radiazione emessa dai telefoni cellulari interferisce con il funzionamento delle cellule cerebrali. Ma finora non c'era nessuna prova che potesse provocare un danno permanente alla salute.

Se confermate dalle successive ricerche, queste scoperte potranno portare a migliaia di ricorsi legali da parte di persone con cancro all'occhio e probabilmente al cervello.

Il rapporto pubblicato dalla rivista Epidemiology e dal The Sunday Times di Londra, è stato preparato dal gruppo di ricerca dell'Università di Essen in Germania.
La ricerca ha preso in esame una forma di tumore all'occhio chiamato melanoma dell'uvea, nel quale il tumore si sviluppa nello strato che compone l'iride e la base della retina.

Il direttore della ricerca, il dott. Andreas Stang ha esaminato 118 persone con questo tipo di melanoma e indagato sul loro eventuale utilizzo di telefoni cellulari.
Il risultato è stato poi confrontato con un gruppo di controllo di 475 persone sane. Per evitare errori statistici ai ricercatori non è stato comunicato quali fra queste persone erano ammalate. L' analisi dei risultati ha evidenziato che tutte le persone colpite dal cancro utilizzavano frequentemente il telefono cellulare. Comunque il dott. Stang ha puntualizzato che i suoi studi hanno bisogno di essere ulteriormente confermati.

Non è chiaro il meccanismo con il quale le radiazioni possono provocare il cancro, ma si ritiene che il contenuto acquoso dell'occhio possa favorire l'assorbimento della radiazione.
Altre ricerche hanno dimostrato che le cellule chiamate melanociti, che si trovano anche nell'uvea, iniziano a crescere e dividersi più rapidamente quando sono esposte alle radiazioni delle microonde.

Siccome il tumore dell'uvea prende avvio da queste cellule, c'è un meccanismo già pronto con il quale la radiazione dei telefonini può favorire l'insorgere del tumore, specialmente in persone geneticamente predisposte a questa condizione.


=============================================
*********************************************
Gli arretrati di NATURMEDICA, salute&natura si possono trovare nel sito,
http://www.naturmedica.com , clicca il pulsante ARCHIVIO.

Si può richiedere l'abbonamento gratuito a naturmedica direttamente dal sito, è sufficiente riempire il modulo che troverai all'inizio delle varie pagine e inviare. È necessario replicare alla successiva email di conferma, altrimenti l'iscrizione non sarà attivata.

====================================

In collaborazione con:

Solaris: il Network del Benessere - http://www.solaris.it
clicca l'area DOWNLOAD: troverai l'archivio delle nostre uscite.


====================================
In collaborazione con Naturalia.net - la Guida
Italiana al Mondo del Naturale.
La Newsletter on-line GRATUITA che t'informa su come
mantenere e/o migliorare la salute in modo naturale e vivere in armonia con
la natura.
Abbonarsi è semplicissimo, basta riempire l'apposito modulo con il proprio
indirizzo e-mail nel sito: http://www.naturalia.net/mailing/iscrizione.asp
====================================
Troverai alcuni articoli di naturmedica e altri interessanti anche nel sito:

http://www.armonics.net/civilta/med_nat_el.html

====================================

Oltre ad alcuni dei nostri, troverai altri interessanti articoli su:

http://utenti.tripod.it/facs
oppure
http://facs.fasturl.it/



Articoli correlati
Numero 37
Numero 46

 
LINK SPONSORIZZATI



Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Access denied for user 'naturvit_natur'@'localhost' (using password: YES) in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 128

Warning: mysql_select_db() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 129

Warning: mysql_query() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 153
Peccato! query fallita:
  • errorno=0
  • error=
  • query=SELECT * FROM tbl_catalogo_prodotto WHERE online='Y'