Chi siamo  |  Link amici  |  Contatti  |  Forum  |  Cerca
Home > Archivio > Newsletter > Numero 38
Cosa Fare Per:

Rimedi Naturali:


Archivio
Newsletter
In questo numero: - Una potente medicina: la frutta. - I vostri messaggi. - Praticare jogging regolarmente può aumentare l'aspettativa di vita. - Stress e grasso.
Una potente medicina: la frutta.

I succhi di frutta sono i "pulitori" del nostro organismo, ma la frutta dovrebbe essere matura. È vero che una mela al giorno leva il medico dattorno, ma dovremmo mangiare anche molti altri tipi di frutta fresca.
Contrariamente all'abitudine di molti, la frutta non dovrebbe, eccetto tre o quattto eccezioni, essere consumata durante i pasti assieme ad amidi e zuccheri (carboidrati).
Una sufficiente varietà di frutta fornirà all'organismo tutti i carboidrati e gli zuccheri di cui ha bisogno.

I succhi di verdure ed ortaggi sono i 'costruttori' e rigeneratori del corpo. Contengono tutti gli aminoacidi, minerali, sali, enzimi e vitamine necessari a condizione che siano consumati freschi, crudi e senza conservanti.

Come molte cose in natura, le parti vitali che contengono i componenti più importanti, sono le più difficili da raggiungere; infatti nei vegetali sono nascoste nella fibra. Per questo motivo è importante che siano tutti ben masticati.

Si può dire che i succhi di verdure sono i costruttori dell'organismo, mentre i succhi di frutta sono i depuratori. Bisogna considerare che le loro essenziali proprietà vengono distrutte se vengono inscatolati, trasformati, conservati o pastorizzati.

Le capacità di queste medicine naturali, cosi largamente presenti nella catena alimentare, sono assolutamente straordinarie. Gli scienziati di tutto il mondo sono sempre più stupiti dalla loro abilità nello sconfiggere virus e batteri, bloccare processi tumorali e di compiere tutta una serie di funzioni che rinforzano il sistema cardiovascolare.

Alcuni composti dei vegetali, anche se scarsamente pubblicizzati, sono oggetto di approfonditi studi presso importanti centri di ricerca. Fra questi componenti ci sono i potenti polifenoli, che comprendono alcune sostanze astringenti chiamate tannini. Abbiamo già incontrato i polifenoli quando abbiamo parlato del té verde nel numero 15 di naturmedica (http://www.naturmedica.com:pagine/numero15.html).
I polifenoli potrebbero essere l'arma segreta contro molte malattie.

VIRUS
In Canada negli anni '70 è stata condotta un'importante ricerca che ha dimostrato come questi composti possano inibire l'azione dei virus. In uno dei test di laboratorio un virus , venuto a contatto con l'estratto di fragola è rimasto paralizzato e incapace di continuare il suo solito lavoro, cioé penetrare le membrane cellulari, inserendo il suo DNA nel nucleo delle cellule. In un' altra sperimentazione è stata utilizzata una "macedonia" di estratti di mirtillo, uva, melograno, fragola, pesca, prugna, mela selvatica, mirtillo rosso selvatico e lamponi. Dopo 24 ore di contatto con questa miscela, meno dell' 1% dei virus (polio) erano sopravvissuti. Una successiva maggiore diluizione degli estratti aveva portato in pratica gli stessi risultati.
L'estratto di pesca in questo caso si è dimostrato il meno efficace riuscendo a neutralizzare solo l'8% dei poliovirus.

COLESTEROLO
Il gastroenterologo dott. James Cerda dell'University of Florida Health Science Center, ha dichiarato che la pectina contenuta nella buccia e nella polpa di pompelmo in un gruppo di studio ha abbassato i valori del colesteolo in media del 7,6% in otto settimane. Siccome una riduzione dell'1% causa il 2% di abbassamento del rischio di malattie cardiache, il dott. Cerda definisce questo risultato come "molto significativo".

GONFIORE?
C'è chi "si sente gonfio" dopo aver mangiato della frutta, anche a stomaco vuoto. La ragione di questo gonfiore va ricercata nel fatto che la frutta aiuta l'organismo ad eliminare gli scarti tossici dalle pareti dello stomaco. Quando questi scarti vengono smossi, fanno fermentare la frutta causando così il gonfiore. Però, una volta eliminati questi scarti, il fenomeno cesserà. Ma ci vuole del tempo. Comunque c'è un piccolo trucco: assieme alla frutta mangiare gambi di sedano e/o foglie di lattuga. Queste verdure impediscono l'interazione fra la frutta e gli scarti ed inoltre, essendo dei vegetali molto alcalini, neutralizzano gli acidi dello stomaco prevenendo in questo modo il disagio.

IL MODO CORRETTO DI MANGIARE LA FRUTTA
Masticare molto è giusto ma non sufficiente. Ma prima di vedere cos'altro fare dobbiamo capire come funziona il nostro apparato digerente.

La frutta, rispetto a tutti gli altri cibi, ha una qualità unica: non necessita di essere digerita nello stomaco perché contiene già i propri enzimi digestivi e, quando matura, in pratica viene pre-digerita, richiedendo solo 20-30 minuti di permanenza nello stomaco prima di passare nell'intestino, dove i suoi nutrienti saranno assorbiti e utilizzati dall'organismo. Sappiamo quindi che la frutta contiene tutti i necessari nutrienti per l'organismo: glucosio dai carboidrati per l'energia e vitamine, minerali, acidi grassi e aminoacidi per la costruzione delle proteine. Ed è adesso che entra in gioco la parola "corretto". Per rendere disponibili al nostro corpo questi elementi fondamentali per la vita, si devono soddisfare due condizioni.

Primo: siccome il frutto è per sua natura delicato, deve essere consumato solamente quando fresco e maturo. Sia come succo che crudo. Per essere di significativo aiuto all'organismo deve essere fresco. Succhi o frutta in scatola, cotti o pastorizzati (come i succhi concentrati) fermentano nello stomaco, si trasformano in acidi contibuendo alla formazione di nuovi prodotti di scarto tossici al contrario di quanto avviene con la frutta fresca.

Secondo: per poter passare velocemente attraverso lo stomaco, la frutta deve essere mangiata a stomaco vuoto, senza mangiare nulla assieme o subito dopo. La tradizionale abitudine di mangiare la frutta ai pasti come dessert è la ragione per cui la gente ha preconcetti sulla frutta accusata di far ingrassare, di provocare acidità, di avere troppe calorie, o dannosa per chi è ipogligemico. Se la frutta è forzata a rimanere a lungo nello stomaco assieme agli altri cibi che hanno tempi di digestione più lunghi (circa tre ore), allora fermenta velocemente ed interferisce con la digestione. In queste circostanze la frutta sicuramente porterà conseguenze negative, ma se assunta correttamente potrà portare solo grandi effetti positivi sulla salute.

Come diceva un epico televenditore: provare per credere. Mangia per un periodo la frutta alla fine del pasto e poi per un altro preiodo prendendo un frutto almeno 20-30 minuti prima del pasto. Vedrai presto la differenza.

===========================================

I vostri messaggi.

ramaela5 ha scritto:

gradirei ricevere informazioni sulla serenoa repens e più specificatamente
sull'uso della serenoa come inibitrice dell'enzima 5alfa reduttasi, mi
piacerebbe sapere i risultati degli ultimi studi fatti riguardanti proprio
questo settore e sapere se può essere un efficace antiandrogeno.

N: sembra proprio così, è diffusamente utilizzata come trattamento naturale nei distubi alla prostata. In alcuni studi l'estratto di s.r. ( saw palmetto in inglese) è risultato efficace nel 90% dei casi rispetto al 60% ottenuto dal principale medicinale (Proscar) per trattare tali disturbi.

////
Nicola ha scritto:

Vorrei sapere quale marca di dentifricio per il lavaggio dei denti non utilizza il FLUORO e il SLS.

N: in pratica quasi tutti quelli che trovi nei supermercati. Prova nelle erboristerie o nei negozi di alimenti biologici.

//////
Paolo ha scritto:
Vorrei avere delle informazioni su eventuali terapie per la vitiligine.

N.: alcuni studi hanno trovato che creme con l'aminoacido L-fenilalanina oppure la L-tirosina possono provocare la repigmentazione della pelle. Per risultati migliori aggiungere rame che aiuta l'organismo a produrre melanina, il pigmento naturale.

/////
ramaela5 ha scritto:
Vorrei per cortesia sapere come si chiama la crema transdermica al
progesterone naturale estratta dall'igname selvatico. Chi è che la produce?

N: noi non lo sappiamo, c'è qualcuno che lo sa?

/////
Continua ad esserci molto interesse sugli articoli pubblicati riguardo la sicurezza dei prodotti per la pelle e la pulizia della persona. Per motivi di spazio pubblichiamo un' email per tutte (grazie a chi ha scritto, anche se non è pubblicato)

M.Ciarlatani ha sritto:

Ho trovato questo annuncio al sito indicato.

I prodotti vengono definiti ecologici.

E'legale ?

E' morale?

FORMULA ECOLOGICA

LINEA DELICATA

FRESCA NATURA

COCCO
Shampoo delicato per capelli

CARATTERISTICHE :

la formula delicata di questo prodotto non altera il manto idrolipidico protettivo della cute, ne rispetta il pH fisiologico, donando al capello l'originale bellezza.
Ideale per lavaggi frequenti.

DILUIZIONI E MODALITA' D'USO : usare qualche goccia di prodotto direttamente sui capelli. INGREDIENTS :

aqua, sodium laureth sulfate, sodium cloride, cocamide dea, cocoanfocarboxyglycinate, tetrasodium EDTA, laureth 6, styrene/acrylate copolymer (and) sodium lauryl sulfate (and) octoxynol - 9, parfum, citric acid, 2 - bromo - 2 - nitropropane - 1,3 - diol, imidazolidinyl urea, colours (C.I. 18055).

N: credo sia pefettamente legale, non ci sono leggi che vietino di utilizzarli. Indubbiamente per quel che riguarda la moralità.......
Credo però non si debba criminalizzare troppo i produttori di questi prodotti, forse non tutti sono informati (almeno i piccoli) sulla nocività di certe sostanze. Quello che mi lascia allibito è la dichiarazione su molte etichette: "dermatologicamente testato". Vorrei conoscere chi si è prestato al test e vedere qual'è il suo stato di salute.

////
francesco ha scritto:
salve, potreste consigliarmi una cura naturale per
l'epatite c ?

N.: cardo mariano, potrebbe essere una cura, ne riparleremo presto

////
Giancarlo ha scritto:


Se ci fosse qualcuno che ha una soluzione NON chirurgica sul problema dei LIPOMI, mi sarebbe molto utile, poichè se vado avanti così divento il marito della lanciatrice di coltelli giapponese " tutto an tajo" Ciao a tutti . Giancarlo

N: chi aiuta Giancarlo? ......... Forse cambiando moglie...... ;-)

/////

giorgiamatteo ha scritto:

mio figlio di 6 anni è allergico.
vorrei sapere se ci sono dei rimedi naturali per modulare il sistema immunitario di una persona allergica e per aiutarlo a superare il periodo invernale.

N.: vedi
http://www.naturmedica.com/pagine/numero27.html
per le allergie

http:www.naturmedica.com/pagine/numero2.html
e
http:www.naturmedica.com/pagine/numero5.html
per echinacea e uncaria.

=============================================

Praticare jogging regolarmente può aumentare l'aspettativa di vita.

Nell'edizione del 7 settembre 2000 il British Medical Journal ha pubblicato i risultati di uno studio in cui si evidenzia che il rischio di morte in chi pratica jogging regolarmente è significativamente minore rispetto ai non-joggers o anche ai nuovi joggers.

Un campione di 4658 uomini (danesi) di un'età compresa fra 20-79 anni è stato esaminato due volte in un periodo di cinque anni. Al primo esame, 217 uomini dichiararono di essere joggers attivi. Di questi, 96 erano ancora joggers cinque anni più tardi. Tra i due esami 106 iniziarono a praticare la corsa e 4335 sono rimasti non-joggers fino alla fine del test.

Peter Schnor, primario cardiologo al The Copenhagen City Heart Study, Danimarca, con i suoi collaboratori ha registrato un rischio di morte maggiore fra i non-joggers o fra quelli che avevano praticato la corsa solo in uno dei due periodi in esame, rispetto ai joggers che hanno continuato per tutto il periodo. Gli effetti non sono stati influenzati da fattori quali fumo, peso, pressione sanguigna e livelli di colesterolo.

I salutari benefìci dell'attività fisica sono ampiamente riconosciuti, ma l'intensità, la frequenza e la durata ottimali devono essere ancora stabilite. Questi studi sostengono l'attuale punto di vista medico per cui l'esercizio leggero ha qualche valore, ma un' attività moderata oppure energica come fare jogging ora è considerata più vantaggiosa per la salute.

======================================
Stress e grasso.

Sei stressato? Se non lo sai, controlla la tua linea della cintola.

Secondo un gruppo di ricercatori, donne magre o di medio peso che hanno alti livelli di cortisolo, l'ormone dello stress, tendono ad avere più grasso nella zona addominale, anche se non è chiaro se sia lo stress che provoca l'accumulo di grasso oppure ci siano altri fattori che provocano entrambi i problemi.
Questo processo può preannunciare futuri malanni; il grasso addominale, più di quello delle cosce o delle natiche, è conosciuto per aumentare il rischio di molte malattie, inclusi diabete e malattie cardiache.

La dott.ssa Elissa Epel, dell'University of California a San Francisco ha studiato un gruppo di 59 donne di età compresa fra 30 e46 anni, soggette a stress psicologico.

Circa la metà delle donne avevano alti livelli grasso addominale se paragonato ai grassi nel resto del corpo, le rimanenti avevano quantità di grasso inferiore. il loro fisico variava da molto magro ad obeso. Sono stati raccolti campioni di saliva per misurare il cortisolo, l'ormone dello stress prodotto dalle ghiandole surrenali.

In generale, le indagini hanno rivelato che le donne con alti livelli di grasso addominale, indipendentemente se grasse o molto magre, sono sembrate più vulnerabili allo stress. Quando stressate, queste hanno evidenziato livelli di cortisolo più alti rispetto alle donne senza quel tipo di grasso addominale.

Secondo il rapporto pubblicato nel numero di settembre/ottobre della rivista Psycosomatic Medicine, " le donne magre secernono cortisolo ogni volta che sono esposte a test che inducono stress".

La dott. Enpel e colleghi sono incerti, "perché le donne magre sembrano più vulnerabili allo stress rispetto alle donne in sovrappeso". Ciò che è risultato chiaro però, è che le donne magre non si sono adattate allo stress e hanno riportato maggiori emozioni negative e meno sprito di adattamento.

I ricercatori si sono dichiarati sorpresi dalla differenza trovata fra le donne magre e le loro colleghe più pesanti. La dott. Ebel ha ipotizzato che per le donne magre, la quantità extra di grasso potrebbe essere la conseguenza dell'esposizione ad un numero maggiore di situazioni stressanti e a squilibri ormonali, inclusi cortisolo alto, mentre per le donne in sovrappeso, il grasso addominale è in parte un risultato dell'obesità.

La dott.sa ha comunque fatto notare che molti fattori contribuiscono al deposito di grasso addominale, inclusi quelli genetici, il fumo, l'esercizio e la dieta. "Questo studio, aggiunge lo stress a questa lista" ha affermato la dott. Ebel.
"Lo stress è un fattore che le persone possono controllare per migliorare la loro salute. Così anche le nostre scoperte aggiungono altre ragioni per fare esercizio fisico per controllare lo stress e ridurre il cortisolo e il grasso viscerale.
(Fonte: Psycosomatic Medicine 2000; 62; 623-632.)

==============================================
***********************************************


Gli arretrati di NATURMEDICA, salute&natura si possono trovare nel sito,
http://www.naturmedica.com , clicca il pulsante ARCHIVIO.

Ora si può richiedere l'abbonamento gratuito a naturmedica anche direttamente dal sito, è sufficiente riempire il modulo che troverai all'inizio delle varie pagine e inviare. È necessario replicare alla successiva email di conferma, altrimenti l'iscrizione non sarà attivata.


====================================
In collaborazione con:

Solaris: il Network del Benessere - http://www.solaris.it
clicca l'area DOWNLOAD: troverai l'archivio delle nostre uscite.

=====================================

Troverai alcuni articoli di naturmedica e altri interessanti anche nel sito:

http://www.armonics.net/civilta/med_nat_el.html

====================================
***********************************
Clicca il seguente link per aiutare a salvare la foresta pluviale. Non chiedono contributi, pagheranno gli sponsors ad ogni collegamento effettuato. Cliccalo ogni giorno e chiedi ai tuoi amici di fare altrettanto.

http://www.saverainforest.net

Il sito è in lingua Inglese, clicca SEMPRE il bottone: SAVE RAINFOREST.
Potrai anche tu ottenere un indirizzo email gratuito come ad esempio il nostro che è naturmedica@saverainforestnet.zzn.com
************************************
=====================================

AVVERTENZA: Le informazioni contenute in Naturmedica sono fornite solo a
scopo educativo. Non si intende fornire suggerimenti per diagnosi o
trattamento di malattie. In caso di bisogno consultare il proprio medico.
----------------------------------------
Se vuoi comunicare con noi per commenti, critiche, richieste oppure
vorresti veder pubblicato un tuo articolo, clicca l'indirizzo:

mailto:naturmedica-list-owner@mail-list.com

saremo felici di rispondere oppure pubblicare scritti di interesse generale
(please, no pubblicità a marche di prodotti, in caso usare il nome del
principio attivo).


Al prossimo numero. Ciao.



Articoli correlati
Numero 58

 
LINK SPONSORIZZATI



Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Access denied for user 'naturvit_natur'@'localhost' (using password: YES) in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 128

Warning: mysql_select_db() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 129

Warning: mysql_query() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 153
Peccato! query fallita:
  • errorno=0
  • error=
  • query=SELECT * FROM tbl_catalogo_prodotto WHERE online='Y'