Chi siamo  |  Link amici  |  Contatti  |  Forum  |  Cerca
Home > Archivio > Newsletter > Numero 22
Cosa Fare Per:

Rimedi Naturali:


Archivio
Newsletter
In questo numero: - Acidità è sinonimo di invecchiamento? - I vostri messaggi. - L'erba della settimana: camomilla.
Acidità è sinonimo di invecchiamento?

Ritorniamo sull'argomento visto l'interesse suscitato dal breve articolo dello scorso numero: "una medicina (quasi) gratuita" e per rispondere alle richieste di chiarimento come ad esempio quella di Anna Maria Antonini: ---- >Non era chiara la frase, secondo me, dato che non avevo capito bisognasse bere >il composto. >Quindi: >1 cucchiaino di succo di limone e 1 cucchaino di bicarbonato sciolti in un >bicchiere d'acqua. >Bere il tutto. >Una volta al giorno? --- Trattandosi di rimedi per così dire empirici, non possiamo stabilire un dosaggio ottimale. Un cucchiaino al giorno dovrebbe essere più che sufficiente, considerando che non si dovrebbe nemmeno squilibrare il proprio organismo portandolo in una stato tropppo alcalino. Abbiamo già visto nel numero 16 di naturmedica quando abbiamo parlato dei miti del consumo di latte, che un' eccessiva acidità dell'organismo porta questo ad intervenire per riportare il proprio pH ad un valore neutro-alcalino (7,4) e per farlo inizialmente utilizza sodio e poi quando quest'ultimo si esurisce prenderà calcio dallo scheletro demineralizzando così le ossa. Riguardo il bicarbonato di sodio è da tempo utilizzato nell'alimentazione: aggiunto alla farina per favorire la lievitazione, per rendere più tenero il bollito, per cuocere più in fretta i legumi secchi e per lavare frutta e verdura (come indicato sui prodotti in vendita). Una formulazione simile a quella consigliata la possiamo trovare nelle confezioni di effervescente (che chiamavamo citrato) che troviamo nei negozi con l'aggiunta però di zucchero, sciroppo di glucosio e colorante. Viviamo in un secolo di veloci cambiamenti nella scienza e nella tecnologia. All'inizio del secolo scorso, l'uomo ha cominciato a volare. Oggi, possiamo persino andare sulla Luna. Non sarebbe ragionevole aspettarsi che l' odierna scienza possa scoprire il modo per invertire il processo d'invecchiamento? Il processo d'invecchiamento è relativamente semplice: ogni cellula del nostro organismo crea prodotti di scarto. I nutrienti dal nostro cibo vengono distribuiti ad ogni cellula ed essi sono bruciati per fornirci l'energia necessaria per vivere. I nutrienti bruciati sono i prodotti di scarto. Qualsiasi cibo noi mangiamo, sia esso da gran gourmet che "cibo spazzatura", esso produce comunque prodotti di scarto. Un cibo può essere buono o cattivo per noi in base alla quantità di scarti prodotti: tossine, acidi, alcalini, ecc. Anche molte delle nostre cellule che muoiono attraverso il metabolismo diventano esse stesse prodotti di scarto. Questi rifiuti devono essere eliminati dal nostro corpo. Infatti esso fa del suo meglio per eliminarli attraverso l'urina e la traspirazione. Praticamente tutti i prodotti di scarto sono acidi; ecco perchè l'urina e la superficie della pelle sono acide. Il problema è che, per molte ragioni, il nostro organismo non riesce ad eliminare completamente gli scarti che produce. La ragione principale è nel nostro stile di vita. Rimaniamo alzati fino a tardi e ci alziamo presto al mattino. Non ci prendiamo tempo per il riposo, alcuni hanno più di un lavoro. Perciò passiamo più tempo a produrre scarti che a trasformarli ed eliminarli. La seconda ragione sono i cibi. La maggior parte dei cibi sono acidi. I cereali e le carni sono principalmente acidi; frutta e verdura sono alcalini. Gli agrumi possono possono avere un sapore acido ma sono considerati alcalini per il loro contenuto di minerali alcalini. La terza ragione è nell'ambiente; molte più cellule sane sono uccise dall'inquinamento dell'aria, dell'acqua e del terreno rispetto a quelle che vengono eliminate dal naturale ciclo di un normale metabolismo. In questo modo si creano ancora maggiori prodotti di scarto. La domanda quindi è: "Cosa succede a queste scorie non eliminate?" La risposta è semplice. Esse divengono scarti solidi: colesterolo, acidi grassi, acido urico, calcoli renali, urati, fosfati, solfati, ecc. e si accumulano in qualche parte del nostro corpo senza che noi ce ne accorgiamo. Questo accumulo di acidi non scartati all'interno del nostro organismo è una delle cause del processo d'invecchiamento. L'alcalinità neutralizza l'acidità. Bere acqua alcalina aiuta il nostro corpo a dissolvere gli scarti acidi e rende più facile la loro eliminazione. Siccome l'accumulo di scorie acide è invecchiamento, la loro riduzione dovrebbe di conseguenza favorire l'inversione di questo processo. L'acqua alcalina non è una medicina che cura tutte le malattie. Comunque, se presa regolarmente, riduce gradualmente l'accumulo di scorie acide. In Giappone sono stati condotti numerosi studi che hanno dimostrato significativi miglioramenti nella salute come risultato della diminuzione dell'acidità dell'organismo. Usiamo saponi alcalini per lavare lo sporco (acido) accumulato sulla nostra pelle, così dovremmo lavare l'acido accumulato all'interno del nostro corpo usando un' acqua alcalina. (pH maggiore di 7). **************************** **

I VOSTRI MESSAGGI:

A chi é interessato ad approfondire il discorso del >consumo di latte, pubblicato sul numero 16, segnalo l'articolo, purtroppo in >inglese, del dr. Joe Esposito all'indirizzo: > http://www.mypath.net/gotmilk.html >Saluti. >Diego. ******************************************** **

L'erba della settimana: camomilla.

Lo sapevi che la popolare camomilla è utile anche per: - calmare lo sconvolgimento di stomaco? - prevenire l' ulcera gastrica? - dare sollievo a crampi mestruali? - calmare i nervi e combattere lo stress? - combattere l'artrite, le infezioni, il mal di testa e problemi della pelle? La camomilla è una delle erbe più popolari e più vendute erbe al mondo a causa del suo valore medicinale per molteplici necessità. Di solito si usa pura, come té, ma si può trovare anche sotto forma di miscela. L'aroma di mela è la fragranza utilizzata in molti prodotti erboristici per la cura della pelle. Il suo uso come shampoo risale fin dai tempi dei Vichinghi perché aumentava la lucentezza dei loro biondi capelli. Gli erboristi d'oggi la raccomandano per l'uso esterno su ferite e infiammazioni ed internamente per diversi scopi tra cui febbre, disturbi allo stomaco, ansia ed insonnia. In Germania, dove la medicina erboristica è molto importante, una compagnia farmaceutica commercializza un prodotto a base di camomilla indicato per trattare ferite ed infiammazioni e come uso interno per indigestione ed ulcere. Quest'erba è così popolare in Germania che molti tedeschi la chiamano "alles zutraut" (buona per tutto). Forse una piccola esagerazione, ma rispecchia la considerazione che si è guadagnata nel tempo. Molti studi hanno confermato il tradizionale uso della camomilla come aiuto alla digestione. Alcuni componenti dell'olio di camomilla sembrano avere un'azione rilassante (antispasmodica) del tratto digestivo come quella esercitata dalla papaverina, un medicinale a base d'oppio. Come antispasmodico, la camomilla rilassa le pareti delo stomaco e dell'utero. Inoltre è stata usata per calmare il dolore dei crampi mestruali e per diminuire la possibilità di doglie premature. La sua lunga storia come tranquillante naturale ha anche una base scientifica secondo i ricercatori che ne hanno dimostrato la sua efficacia nel controllo del sistema nervoso centrale. La camomilla non è solo utile come calmante dello stomaco, ma anche per combattere le infezioni e il gonfiore o il dolore delle articolazioni, per accelerare la guarigione di ferite e abrasioni e quando usata come gargarismo può aiutare a prevenire gengiviti e mal di gola. Può anche essere efficace per alleviare mal di testa e sinusiti. Il suo olio essenziale è uno dei più delicati; è ideale per l'uso con bambini particolarmente valido durante la loro dentizione. Si conoscono due tipi di camomilla: l'Anthemis nobilis, o camomilla romana e la Matricaria chamomilla, o matricaria. E' disponibile sotto forma di fiori freschi o essicati, estratto liquido o tintura, compresse o capsule e olio essenziale. Le sue salutari proprietà comprendono: anti-spasmodico, calmante, sedativo, carminativo, antisettico, anti-infiammatorio, antibiotico e aromatico. La camomilla è considerata sicura e senza importanti effetti collaterali, eccetto per individui allergici; in dosi elevate potrebbe procurare disturbi intestinali, nausea e vomito e, nel caso di allergia, riniti allergiche. =====================================


AVVERTENZA: Le informazioni contenute in Naturmedica sono fornite solo a scopo educativo. Non si intende fornire suggerimenti per diagnosi o trattamento di malattie. In caso di bisogno consultare il proprio medico. ----------------------------------------




 
LINK SPONSORIZZATI



Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Access denied for user 'naturvit_natur'@'localhost' (using password: YES) in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 128

Warning: mysql_select_db() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 129

Warning: mysql_query() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 153
Peccato! query fallita:
  • errorno=0
  • error=
  • query=SELECT * FROM tbl_catalogo_prodotto WHERE online='Y'