Chi siamo  |  Link amici  |  Contatti  |  Forum  |  Cerca
Home > Archivio > Newsletter > Numero 96
Cosa Fare Per:

Rimedi Naturali:


Archivio
Newsletter
In questo numero: - Le nostre medicine? Un terno al lotto. - Imparare la felicità.
LE NOSTRE MEDICINE? UN TERNO AL LOTTO.

Sulla maggior parte delle persone, i farmaci non hanno alcun effetto.

La notizia è preoccupante, specialmente se ad affermarlo è Allen Rose, il vicepresidente del gigante farmaceutico GlaxoSmithKline.

Che molte medicine non provocassero gli effetti desiderati è un fatto noto da tempo negli ambienti medici, ma è la prima volta che una grande casa farmaceutica ammette apertamente la cosa. "Più del 90 per cento dei medicinali", ha affermato Rose durante un recente congresso a Londra, " funziona solo nel 30-50% dei casi".

Il motivo sarebbe da ricollegare soprattutto a fattori genetici dei pazienti.

"Ognuno di noi", ha aggiunto il vicepresidente", avrà notato che alcuni farmaci funzionano meglio di altri per combattere il mal di testa o i dolori reumatici. Il motivo di questa differenza è il modo individuale in cui ognuno di noi reagisce alle sostanze".

Secondo alcuni osservatori del mondo scientifico, la dichiarazione pubblica di Allen Rose potrebbe essere il primo passo verso la diffusione di farmaci concepiti per gruppi limitati di pazienti che presentano specifiche caratteristiche genetiche.

ED ECCO L'EFFICACIA MEDIA CATEGORIA PER CATEGORIA:

- Analgesici...........................80%
- Depressione........................62%
- Asma...................................60%
- Aritmia cardiaca.................60%
- Schizofrenia........................60%
- Diabete................................57%
- Emicrania (acuta)..............52%
- Emicrania (profilassi)......50%
- Artrite reumatoide ............50%
- Epatite C..............................47%
- Incontinenza........................40%
- Alzheimer............................30%
- Oncologia..............................25%

Fonte: Vanity Fair 12.03.2006

......non erano "provati scientificamente?". Perchè tanti ostacoli e sospetti verso la medicina naturale? Perchè considerare quella farmacologica l'unica soluzione percorribile, quasi un obbligo, per gli ammalati dell'ultima categoria? ...vedi gli attacchi ai medici, perseguitati e condannati, che hanno OSATO combattere il cancro con metodi naturali, sicuramente non devastanti come certe "cure". .....domande ingenue?.....
Fra l'altro, quel 25% finale secondo diversi studi indipendenti sembra troppo ottimistico.


=====================================

Continua l'iniziativa " TERAPIE NATURALI, DOVE? ". Stiamo cercando di costruire un database che sarà a disposizione degli abbonati che chiedono di conoscere se nella propria zona di residenza ci siano medici, centri od operatori sanitari orientati alla medicina naturale. Il nostro obiettivo è quello di creare un database dove inserire gli operatori suddivisi per provincia o regione e per specializzazione: omeopatia, chiropratica, pranoterapia, agopuntura, riflessologia, ecc. oppure per patologie trattate. Il vostro contributo quindi è determinante per poter fornire, a chi ne ha bisogno, la possibilità di una scelta il più possibile compatibile con le proprie esigenze. Chiediamo a chi è interessato ad essere inserito negli elenchi di farci sapere nome cognome, indirizzo, telefono e specializzazione. Chiediamo anche il contributo degli abbonati che possono proporre al proprio naturopata che forse non ci conosce ma che potrebbe essere interessato all'inserimento nel nostro database.
Giustamente è stato fatto notare che i medici non possono farsi pubblicità o descrivere la propria attività se non con la sola specializzazione.
Riteniamo che la forma scelta può non essere considerata pubblicità in quanto il database non sarà visibile liberamente su internet, sarà ad esclusivo uso dei lettori di Naturmedica, che potranno richiederci il nominativo di un operatore di zona.
Grazie.
Potete inviare i dati al seguente indirizzo:

mailto:naturm@naturmedica.com

===================================

IMPARARE LA FELICITA’



Dopo un secolo dedicato a studiare le sofferenze umane, gli psicologi hanno scoperto la felicità.
Purtroppo non c’è n’è molta in giro, ed è per questo che se ne parla tanto.
I primi studi sulla felicità sono stati fatti negli anni 60, quando si comincia a capire che il boom economico non cancella le nevrosi, anzi forse le genera.
Sono stati fatti degli studi dove vengono trovate delle tecniche per correggere gli atteggiamenti che alimentano l’infelicità.
Socializzare, pensare positivo, coltivare le relazioni intime ed evitare di preoccuparsi per un nonnulla sono solo alcune di queste.
Ad esempio è stato chiesto a degli ansiosi di appuntare su un quaderno le loro preoccupazioni: rileggendole dopo una settimana scoprono che molte di queste erano infondate e con un po’ di esercizio possono imparare che non è il caso di preoccuparsi tanto.
Inoltre si è dimostrato che sposati e conviventi sono decisamente più felici di quanti vivono da soli, ed altre ricerche confermano che felicità ed un comportamento estroverso vanno di pari passo.
Dunque si può imparare ad essere felici?
Anche introversi e malinconici possono trarre piacere da un hobby, dall’amicizia, e dalle relazioni umane, spesso hanno solo bisogno che qualcuno gli ricordi che ci sono cose piacevoli cui dedicare tempo e energia.
E’ stato fatto un sondaggio classificando il livello di felicità di popoli diversi, e si è scoperto che i maltesi detengono la palma della felicità, mentre la Tanzania, e lo Zimbabwe sono all’estremo opposto.
Ma siamo proprio sicuri che quando dicono di essere felici o non felici italiani , maltesi, russi intendono proprio la stessa cosa?
Non sempre tutti la pensano allo stesso modo, ad esempio in Italia sarebbe meglio parlare di benessere piuttosto che di felicità, in quanto ha una definizione più ampia e meno connotata.
Inoltre la differenza non è solo questione di terminologia, molti psicologi americani affermano che ci sono diversi tipi di felicità, quella pragmatica, ovvero più individualista, che studia il piacere come benessere personale. Mentre in Europa si attribuisce maggior peso allo sviluppo e alla realizzazione delle potenzialità individuali, ma all’interno di un contesto sociale.
Ma quale potrebbe essere la ricetta per la felicità?
Ci sono varie scuole di pensiero, c’è chi dedica la propria attenzione solo al piacere, chi alla soddisfazione post risoluzione di un problema, chi invece alla novità.

Si è verificato infatti che offrendo ad un gruppo di bambini un vassoio di dolcetti misti, e permettendogli di prenderne due, questi sceglievano per primo il loro preferito, poi uno diverso.
Anche se le cose non sono cosi semplici, ci sono piaceri che una volta assaporati perdono il loro fascino; altri che non ci stancano mai, e altri ancora come le nostre pietanze preferite che dobbiamo concederci di tanto in tanto se non vogliamo che perdano sapore.
La novità è sicuramente un aspetto importante della felicità, ma l’elemento essenziale è l’opportunità di cimentarsi con prove sempre nuove.
Ad esempio chi pratica sport estremi, si impegna per rispondere a una sfida difficile, quasi impossibile che mette in gioco tutte le sue competenze.
Anche se sembra un emozione per pochi eletti, in realtà è più diffusa di quanto si immagini, questo a difesa della felicità considerata da sempre inferiore ad altre emozioni più significative e costruttive per la vita umana, quali la paura e il disgusto considerati veri e propri salvavita.
La necessità di conoscere e sperimentare cose nuove è certamente un elemento importante per la nostra specie.
Forse molta dell’odierna infelicità dipende anche dal fatto che le sfide quotidiane che attiravano l’uomo delle caverne , combattere, procurarsi il cibo, conquistare una compagna, non hanno più senso nel mondo in cui viviamo oggi.
Ossia , detto in altri termini, siamo programmati per desiderare cose che non ci interessano più veramente, come ricchezza e potere.
Ma soprattutto che siamo preda di un subdolo meccanismo biologico che ci rende incontentabili, in quanto i nostri cervelli non sono stati programmati per mantenere a lungo uno stato di felicità.

Dott. Luigi Mastronardi.
http://www.luigimastronardi.it/index.php?




Articoli correlati
Numero 18
Numero 23
Numero 77
Numero 79
Numero 89
Numero 90
Numero 91
Numero 99

 
LINK SPONSORIZZATI



Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Access denied for user 'naturvit_natur'@'localhost' (using password: YES) in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 128

Warning: mysql_select_db() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 129

Warning: mysql_query() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 153
Peccato! query fallita:
  • errorno=0
  • error=
  • query=SELECT * FROM tbl_catalogo_prodotto WHERE online='Y'