Chi siamo  |  Link amici  |  Contatti  |  Forum  |  Cerca
Home > Archivio > Newsletter > Numero 90
Cosa Fare Per:

Rimedi Naturali:


Archivio
Newsletter
In questo numero: - Soia e fertilità - Gli errori della medicina tradizionale.
SOIA E FERTILITA'

Una nuova ricerca sull 'alimentazione nei paesi occidentali rivela che la passione dei cittadini britannici per i pasti già preparati (disidratati, surgelati, ecc.) pieni di soia "invisibile" è una delle cause della diminuzione del numero degli spermatozoi, quindi fonte di problemi di fertilità.

Sono coinvolti anche molti cibi considerati "salutari" come ad esempio il latte di soia o lo jogurt di soia.

Un gruppo di ricerca condotto da Sheena Lewis, professore di medicina riproduttiva alla Queen's University di Belfast, ha condotto alcuni studi che collegano il consumo di soia con una ridotta fertilità maschile. Gli scienziati ritengono che i composti della soia imitino l'estrogeno, l'ormone femminile.

La ricerca, rivelata da un'indagine sull'industria della soia, che raggiunge profitti multimiliardari a livello mondiale, è stata pubblicata sulla rivista Observer Food Monthly. Rivela che la soia non è più mangiata solo dai vegetariani ma utilizzata anche come proteina di basso costo nella maggior parte dei cibi precotti e nei fast foods.

Altre ricerche hanno collegato i composti chimici della soia con certi tipi di cancro, malattie del cervello e anomalie dello sviluppo nei bambini.
La prof. Lewis ha affermato: "I composti chimici della soia possono ridurre il numero degli spermatozoi....i risultati ci preoccupano, c'è bisogno di ulteriori studi su un maggior numero di persone."

Uno dei componenti del gruppo di studio, la dr. Lorraine Anderson ha scritto: "Se si altera la quantità di estrogeni a cui un uomo è esposto, si può non solo avere un effetto sulla qualità dello sperma ma anche un aumento nelle anomalie strutturali nei neonati quali testicoli che non scendono.
Lei ritiene che ciò può portare altri problemi più tardi nel corso della vita, quali il cancro ai testicoli.

La Soja Protein Association, che rappresenta i produttori di alimenti, ha dichiarato: " Non abbiamo visto alcune evidenza convincente che la soia possa causare alcun danno."

By Antony Barnett
Public Affairs Editor
The Observer - UK
7-11-2004
Guardian Unlimited
©GuardianNewspapersLimited2004
www.guardian.co.uk/medicine/story/0,11381,1345541,00.htm


=======================================

Continua l'iniziativa " TERAPIE NATURALI, DOVE? ". Stiamo cercando di costruire un database che sarà a disposizione degli abbonati che chiedono di conoscere se nella propria zona di residenza ci siano medici, centri od operatori sanitari orientati alla medicina naturale. Il nostro obiettivo è quello di creare un database dove inserire gli operatori suddivisi per provincia o regione e per specializzazione: omeopatia, chiropratica, pranoterapia, agopuntura, riflessologia, ecc. oppure per patologie trattate. Il vostro contributo quindi è determinante per poter fornire, a chi ne ha bisogno, la possibilità di una scelta il più possibile compatibile con le proprie esigenze. Chiediamo a chi è interessato ad essere inserito negli elenchi di farci sapere nome cognome, indirizzo, telefono e specializzazione. Chiediamo anche il contributo degli abbonati che possono proporre al proprio naturopata che forse non ci conosce ma che potrebbe essere interessato all'inserimento nel nostro database.
Giustamente è stato fatto notare che i medici non possono farsi pubblicità o descrivere la propria attività se non con la sola specializzazione.
Riteniamo che la forma scelta può non essere considerata pubblicità in quanto il database non sarà visibile liberamente su internet, sarà ad esclusivo uso dei lettori di Naturmedica, che potranno richiederci il nominativo di un operatore di zona, oppure se le richieste saranno in numero troppo elevato da gestire, ci potrà eventualmente essere un accesso protetto tramite password.
Grazie.
Potete inviare i dati cliccando il seguente link:

mailto:naturm@naturmedica.com

=============================================

GLI ERRORI DELLA MEDICINA TRADIZIONALE.

MAI SOTTOVALUTARE GLI ASPETTI PSICOLOGICI, CHE SONO NEMICI ANCHE DELLE TECNICHE MEDICHE PIU' AVANZATE.

Da uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology si e' data notizia che anche le piu' avanzate tecniche di angioplastica non salvano il paziente quando esiste una forma depressiva sottostante.

Non e' la prima volta che la medicina ufficiale trova difficile credere che l'aspetto psicologico e le componenti integrate emotive ed affettive, abbiano un ruolo principale in un processo patogenetico.

La faccenda allarmante sta nel fatto che si spendono fior di quattrini per finanziare studi che dovrebbero essere dati per scontati.

Da questo studio condotto da un' equipe olandese, si e' definita una classe "B", inserendovi persone dalla personalita' con un sottofondo di depressione e con difficolta' di relazioni interpersonali. A questo punto, viste le circostanze epidemiologiche, che avevano innalzato il rischio di ripercussione
cardiaca del soggetto "B" di almeno 5 volte in piu' rispetto al soggetto normale, si era pensato di "monitorare" i pazienti, ancor prima dei controlli cardiaci, dal punto di vista psicologico-psichiatrico.

Questo perche', esistendo una forma di inadeguatezza e di sottostante depressione, il rischio che un intervento terapeutico cardiaco non funzionasse, sarebbe stato possibile. In uno studio del tutto simile, effettuato in Gran Bretagna, dove si erano valutati gruppi di persone, trovando una maggiore morbilita' patogenetica in gruppi di single rispetto agli individui sposati, non si dava per nulla evidenza agli aspetti psicologici e si consideravano cause di morbilità soltanto componenti del tutto estranee, quale la vita più "intensa" del single rispetto all'uomo sposato. Nello studio, non c'era riferimento alle componenti emotive dell'individuo.

Questo metro di valutazione clinica, dimostra come e' grande il divario culturale tra discipline mediche ufficiali ed olistiche e come la medicina ufficiale continui inesorabile lungo una via di codifica umana sotto principi artefatti, che spesso trovano enormi sbandamenti in acquisizioni e scoperte che, per la medicina olistica, sono aspetto centrale della dottrina e della conoscenza.

Ricordo quando, soltanto lo scorso Settembre 2003, si dava per sbalorditiva la scoperta che il nascituro prima della nascita si muoveva e "sembrava" esprimere emozioni.

In Medicina Olistica, cultura formazione e dottrina esprimono da sempre mente e corpo come una componente indissolubile. Questo ancor prima della nascita, quando l'essere è nel grembo materno. Tutto cio' palesa il grande divario culturale, che impedisce un incontro ed una integrazione tra le due culture mediche.

Ma si tratta di differenza culturale, o forse semplicemente di interessi, grandi interessi economici? Non potrebbero essere tali, i sotterranei motivi, per cui si tengono estranee e lontane, alla formazione universitaria, le conoscenze di dottrine sagge e antichissime, come ad esempio la medicina tradizionale cinese? Che senso ha non garantire all'operatore medico un tale bagaglio culturale? Come mai, osteggiate e denigrate dalla cultura accademica universitaria, salvo poi integrarle nelle prestazioni offerte dal Servizio Sanitario Nazionale, e riconosciute efficaci e risolutrici?

Intanto si spendono quattrini nell'organizzare simili inutili ricerche come quella del Journal of the American College of Cardiology, per asserire quanto sbalorditivo per loro, e normale per noi.

Tuttavia, tali cifre sono irrisorie rispetto a quanto viene investito nel "trovare" molecole di sintesi efficaci, che daranno vita al nuovo farmaco chimico, sul tavolo del medico.

Non sembra proprio una modalità "integrale" per migliorare la salute umana. Basti pensare a quanto è accaduto e sta ancora accadendo per la ricerca con le cellule staminali embrionali, su cui auspichiamo che il referendum per abrograne il divieto raggiunga le firme necessarie e sia sottoposto al voto degli italiani.

Bibliografia. Pedersen S, Lemos P, Van Vooren P, Liu T et al. Type D personality predicts death or miocardial infarction after bare metal stent or sirolimus-eluting

Dr Giuseppe Parisi
www.fomeco.org
info@fomeco.org



Articoli correlati
Numero 10
Numero 12
Numero 68-Parte prima
Numero 7
Numero 89
Numero 91
Numero 95

 
LINK SPONSORIZZATI



Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Access denied for user 'naturvit_natur'@'localhost' (using password: YES) in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 128

Warning: mysql_select_db() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 129

Warning: mysql_query() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 153
Peccato! query fallita:
  • errorno=0
  • error=
  • query=SELECT * FROM tbl_catalogo_prodotto WHERE online='Y'