Chi siamo  |  Link amici  |  Contatti  |  Forum  |  Cerca
Home > Archivio > Newsletter > Numero 83
Cosa Fare Per:

Rimedi Naturali:


Archivio
Newsletter
In questo numero: - Piante afrodisiache. - Insonnia e inquinamento elettromagnetico in casa.
PIANTE AFRODISIACHE

Mentre la "pillola blu" (Viagra) è stata un altro mattone per gli enormi profitti delle case farmaceutiche, molti uomini e donne si rivolgono invece alla medicina erboristica per affrontare un disturbo in continuo aumento anche fra le giovani generazioni: la mancanza di desiderio o la difficoltà di avere un rapporto sessuale soddisfacente. Nonostante spesso sia un problema di origine psicologica, molte coppie cercano un aiuto dalla natura al fine di evitare i probabili effetti collaterali dei farmaci. Sono molte le piante che si ritiene possano dare un aiuto, riporteremo alcune fra quelle più conosciute e forse più efficaci.

MUIRA PUAMA
Muira Puama o marapuama o liriosma, è un arbusto che si trova nelle zone a nord-nord est del Brasile. I fiori bianchi hanno un odore pungente e aromatico che assomiglia al gelsomino. E’ anche conosciuta sotto il nome di”potency wood” o sotto il nome latino Ptychopetalum uncinatum.
I componenti attivi sono contenuti nella corteccia dalla quale si può preparare un estratto a base d’acqua oppure un tè. Il té è leggermente amaro ma può naturalmente essere addolcito per renderlo bevibile. Una dose giornaliera di muira puama dovrebbe corrispondere ad un grammo di corteccia.
Si dice che sia efficace contro molteplici sintomi. Già nel 1930 Meiro Penna la descrisse nel suo libro Notas Sobre Plantas Brasileriras citando alcuni esperimenti terapeutici in Francia nei trattamenti contro i disturbi al sistema nervoso, impotenza, astenia gastrointestinale e circolatoria. La Dr. Schwontkowsky nel suo “Erbe dall’Amazzonia” (1993) la nomina non solo per l’impotenza ma per frigidità, crampi mestruali e sindrome pre-mestruale.
I primi esploratori europei degli anni 1920-1930 notarono che gli indigeni dell’ Amazzonia la usavano come afrodisiaco e tonico. Una volta portata in Europa divenne subito parte della medicina erboristica Inglese. Vista la lunga storia dell’uso di muira puama in Inghilterra, essa è tutt’ora inserita nella “British Herbal Pharmacopoeia”, un’ autorevole fonte sulla medicina erboristica dalla British Herbal Medicine Association, dove è raccomandata per il trattamento della dissenteria e dell’impotenza. E’ inserita nella Brazilian Pharmacopoeia sino dal 1950.
All’Istituto di Sessuologia di Parigi, sotto la supervisione di una delle più grandi autorità mondiali in materia di disfunzioni sessuali, il Dr. Jaques Wajnberg, uno studio clinico con 262 pazienti che lamentavano perdita del desiderio sessuale e impotenza, ha dimostrato che muira puama è più efficace della medicina ottenibile con ricetta medica (yohimbine hydrochloride). Dopo due settimane di trattamento con l’estratto naturale, il 62 % dei pazienti con perdita della libido sostennero che il trattamento aveva avuto un notevole miglioramento funzionale mentre il 51% dei pazienti con impotenza sentirono che fu di beneficio. Non fu riscontrato alcun effetto collaterale. Questi risultati sono estremamente promettenti e indicano che muira puama fornisce risultati migliori rispetto la yohimbine senza gli effetti collaterali comunemente associati a quest’ultima.


CATUABA
Le meraviglie di catuaba (Juniperis brasiliensis), pianta fortificatrice del sistema nervoso e di supporto all’incremento della libido, sono state decantate per secoli dagli indigeni nelle loro canzoni. Storicamente il suo uso è quello di afrodisiaco e tonico. E’ stato usato anche contro l’impotenza maschile.

Indubbiamente una delle più famose piante afrosisiache del Brasile. Catuaba è stata apprezzata per generazioni dalle popolazioni locali per le sue proprietà. Gli indiani Tupi che per primi ne hanno scoperto le qualità, composero molte canzoni e poesie per elogiarla. Citiamo un loro vecchio detto: “se diventi papà entro i 60 anni, il figlio è tuo, dopo i 60 il figlio è di Catuaba.”
Il dr. Meiro Penna dichiara anche che “Catuaba è un afrodisiaco innocuo, senza assolutamente alcun effetto collaterale, che funziona come stimolante del sistema nervoso soprattutto quando si tratta di impotenza funzionale degli organi genitali maschili”.
Si racconta che dopo aver bevuto 3-4 tazze di thé per un periodo di tempo continuato, i primi sintomi sono di solito sogni erotici e poi un desiderio sessuale in aumento.
Oggi nella medicina erboristica brasiliana Catuaba è considerata uno stimolante del sistema nervoso centrale con proprietà afrodisiache. Un decotto della corteccia è usato per casi di impotenza, tremori, nervosismo, nevrastenia, disturbi della memoria.

MACA
Maca è una pianta tuberosa che cresce solo sulle altitudini delle Ande del Sud America. Ci sono due specie di piante perenni che sono state testate in studi clinici: Lepidium peruvian e Lepidium meyenii anche se fino ad ora non sono stati condotti veri e propri studi scientifici sugli esseri umani.
La parte utilizzata per il consumo umano è la radice, di forma arrotondata, del diametro di circa 8 cm. Utilizzata per il consumo domestico già dagli Incas è conosciuta anche con il nome di Peruvian ginseng, nonostante non sia della stessa famiglia del comune ginseng che conosciamo.

E’ una pianta ricca di zuccheri, proteine, amidi e minerali essenziali. Contiene anche alcaloidi, aminoacidi, carboidrati, calcio, ferro, iodio, magnesio, proteine e vitamine B1, B2, B12, C ed E. Contiene inoltre acidi grassi, incluso linoleico, palmitico e altri acidi oleici, tannini e saponine. In aggiunta, un’analisi del 1981 ha dimostrato la presenza del p-methoxybenzil isothiocyanate, che si ritiene sia un afrodisiaco.

Nonostante non ne sia stata provata scientificamente l’efficacia sugli esseri umani, Maca ha recentemente conosciuto un crescente consumo per l’aumento dell’energia (atletica e sessuale) e per incrementare la fertilità, negli esseri umani e negli animali.
Nelle donne viene utilizzata per squilibri ormonali, irregolarità mestruali, sintomi da menopausa, scarsa fertilità, secchezza vaginale, perdita di energia e di libido, depressione e come alternativa naturale alla terapia ormonale sostitutiva.
Il dr. Hugo Malaspina, cardiologo che pratica la medicina complementare a Lima, Perù, afferma di utilizzare Maca da più di 10 anni. Un gruppo di suoi anziani pazienti, ancora attivi sessualmente, ha ottenuto significativi miglioramenti delle loro funzioni sessuali.
Il dr. Malaspina prescrive Maca frequentemente anche alle sue pazienti femmine in caso di sintomi da menopausa o premestruali. Egli afferma che “Maca dovrebbe regolarizzare le funzioni delle ovaie, regolare la secrezione degli organi interni, quali l’ipofisi, le ghiandole surrenali ed il pancreas.

SARSAPARILLA
(Smilax papyracea) è stata usata in tutto il mondo per un vasto raggio di sintomi. Aiuta a migliorare la circolazione, per la pulizia da tossine, stimola il metabolismo e la potenza sessuale maschile. I componenti naturali trovati nella smilax la indicano come favorita dai body-builders e da chi vorrebbe essere più forte ed energico.E’ stata usata per il bilanciamento ghiandolare, si crede aumenti il metabolismo stilmolando naturalmente la produzione di ormoni.

DAMIANA
E’ sufficiente conoscere il suo nome latino per intuirne le proprietà: turnera asfrodisiaca.
Viene utilizzata come afrodisiaco sia per l'uomo che per la donna già dai tempi dei Maya. Si ritiene possa agire anche come antidepressivo, tonico, diuretico, sedatio della tosse e lieve lassativo. In un suo libro il dott. J. Balch riferisce che può essere utile per l'emicrana, per l'enuresi (la "pipì a letto") e come stimolante per la contrazione muscolare del tratto intestinale, avvertendo però che può interferire con l'assorbimento del ferro se presa internamente ad alte dosi.

YOHIMBE
L’unico rimedio naturale finora approvato dalla FDA (Food and Drug Administration, USA) come trattamento per l’impotenza è la Yohimbe o Yohimbine, un alcaloide isolato dalla corteccia dell’albero omonimo (Pausinystalia Yohimbe) nativa dell’ Ovest Africa.
La sua azione primaria è di aumentare il flusso di sangue al tessuto erettile. Yohimbe ha dimostrato di essere efficace fino al 34% dei casi con dosaggi di 20 -42 mg al giorno. I massimi effetti si possono osservare dopo 2-3 settimane, ma gli effetti secondari la rendono difficile da utilizzare. Essa può indurre ansia, attacchi di panico e allucinazioni. Altri effetti riscontrati sono aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, capogiri, emicranie e rossori cutanei.

Fonti:
- Leslie Taylor: Herbal Secrets of the Rainforest
- Naturvitae: http://www.naturvitae.com

(Continua)

==========================
Continua l'iniziativa " TERAPIE NATURALI, DOVE? ". Stiamo cercando di costruire un database che sarà a disposizione degli abbonati che chiedono di conoscere se nella propria zona di residenza ci siano medici, centri od operatori sanitari orientati alla medicina naturale. Il nostro obiettivo è quello di creare un database dove inserire gli operatori suddivisi per provincia o regione e per specializzazione: omeopatia, chiropratica, pranoterapia, agopuntura, riflessologia, ecc. oppure per patologie trattate. Il vostro contributo quindi è determinante per poter fornire, a chi ne ha bisogno, la possibilità di una scelta il più possibile compatibile con le proprie esigenze. Chiediamo a chi è interessato ad essere inserito negli elenchi di farci sapere nome cognome, indirizzo, telefono e specializzazione. Chiediamo anche il contributo degli abbonati che possono proporre al proprio naturopata che forse non ci conosce ma che potrebbe essere interessato all'inserimento nel nostro database.
Giustamente è stato fatto notare che i medici non possono farsi pubblicità o descrivere la propria attività se non con la sola specializzazione.
Riteniamo che la forma scelta può non essere considerata pubblicità in quanto il database non sarà visibile liberamente su internet, sarà ad esclusivo uso dei lettori di Naturmedica, che potranno richiederci il nominativo di un operatore di zona, oppure se le richieste saranno in numero troppo elevato da gestire, ci potrà eventualmente essere un accesso protetto tramite password.
Grazie.


Potete inviare i dati cliccando il seguente link:
mailto:naturm@naturmedica.com

==========================
**************************

INSONNIA E INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO IN CASA

Molto spesso una concausa dell’insonnia o del dormire male, dello svegliarsi al mattino più stanchi di quando si è andati a dormire e del cattivo umore mattutino, è da ricercarsi all’interno delle mura domestiche.
Premesso che in presenza di questi disturbi per periodi prolungati è sempre opportuno rivolgersi al proprio terapeuta di fiducia il quale analizzerà tutte le possibili cause, ma intanto possiamo avvalerci di alcune semplici regole che ci permettono di abbattere il livello di inquinamento elettromagnetico che molto spesso all’interno delle nostre abitazioni è elevato:

1) Non dormire con la radiosveglia vicino alla testa. E’ l’apparecchio elettrico che più provoca disturbi alla salute perché ha un trasformatore che produce un forte campo elettromagnetico che genera irritazione al sistema neurovegetativo e dà origine a disturbi del sonno, irritabilità, stanchezza e depressione. Meglio usare sveglie a batteria da tenere comunque a più di 1,5 mt. dal corpo.

2) Non utilizzare termocoperte poiché generano un campo magnetico di 1.000 nanotesla ed il loro uso è in relazione con aborti spontanei, tumori cerebrali, leucemia e cancro.
Quantomeno se proprio non se ne può fare a meno staccare la spina dalla presa a fine utilizzo.

3) Non utilizzare forni a microonde in casa perché trasformano l’energia elettrica che ricevono ad una frequenza di 2.450 MHz, emettendo un campo elettromagnetico molto alto.

4) Non abusare di telefoni cellulari o radiotelefoni perché emettono una frequenza di 900 MHz che può provocare danni cerebrali, ad esempio tumori.

5) Non utilizzare calzature con suola di gomma perché sono isolanti e non permettono lo scarico a terra dell’elettricità del corpo.

6) Non indossare indumenti di fibra sintetica e nylon perché si caricano di elettricità statica.

7) Separare la testata del letto dal muro se questo ha installazioni elettriche ed assicurarsi che non vi siano cavi di apparecchiature elettriche a contatto con qualsiasi struttura del letto.

8) Non dormire con in camera computer.

9) Non dormire in camera con televisori, videoregistratori e quant’altro; se l’avete ricordatevi di staccare la spina prima di dormire.

10) Non dormire con la testata del letto che confina con una camera dove in corrispondenza c’è un computer o un televisore, a meno che non stacchiate tutte le spine dalle prese prima di andare a dormire.

11) Non dormire in un letto metallico, o con molte parti in metallo. I letti in ottone o ferro battuto sono molto romantici e belli, ma assolutamente inadatti per dormirci perché attirano tutte le cariche elettromagnetiche presenti e le amplificano.
Preferire letti a incastri in legno.

12) Non dormire su materassi a molle, privilegiare i materassi di lattice naturale accompagnati da faldoni o materassini di cotone tipo futon.



Bibliografia: Elettroagopuntura secondo Voll – M.L. Name Guerra – Guna Editore


A cura di:

NADIA GARIGLIO
Naturopata

E-mail: nadianatur@libero.it


==============================
==============================

APPUNTAMENTI

IAF - ISTITUTO DI ALTA FORMAZIONE



Via G. Baglivi, 6 ˆ 00161 Roma

Tel. 06.44.04.369 ˆ iaf@iaform.it




CONFERENZE GRATUITE

SEMINARI TEORICO-PRATICI DI AUTOGUARIGIONE


Calendario del seminario su:„LA PSICOLOGIA E IL BENESSERE. Guarire da soli: Autoterapie psicologiche‰,

conferenze gratuite condotte dal Dott. Luigi MASTRONARDI, Psicologo-Psicoterapeuta,

Vice-Presidente della Società Italiana di Medicina del Benessere, Docente nel Corso

di Perfezionamento in Psicoimmunologia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università „La Sapienza‰,

Roma, Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Dinamica Breve, autorizzata dal MIUR.



FEBBRAIO 2004




Giovedì 05/02/04 - ore 17,30



j Il rapporto mente-corpo: Il controllo dello stress.

j Esercizi di rilassamento: come convogliare l‚energia sulla parte malata



Giovedì 12/02/04 - ore 17,30



j Il rapporto mente-corpo: L‚autostima.

j Esercizi di rilassamento: come convogliare l‚energia sulla parte malata



Giovedì 19/02/04 - ore 17,30



j Il rapporto mente-corpo: Il Benessere con la Psicologia.

. j Esercizi di rilassamento: come convogliare l‚energia sulla parte malata



Giovedì 26/02/04 - ore 17,30



j Il rapporto mente-corpo: Il pensiero positivo.

. j Esercizi di rilassamento: come convogliare l‚energia sulla parte malata



. Bibliografia:



j Luigi MASTRONARDI, „Io Guarirò!‰ Ediz. Tecniche Nuove, Milano

j Luigi MASTRONARDI, „Il Benessere con la Psicologia‰ Ediz. Tecniche Nuove, Milano

___________________________



La partecipazione è libera e gratuita; sarà distribuito il testo di ogni relazione. A richiesta,

sarà rilasciato un Attestato di partecipazione.

Le Conferenze si terranno presso lo IAF ˆ Istituto di Alta Formazione, Via G. Baglivi, 6

La prenotazione telefonica per la partecipazione ai seminari o a un colloquio con il Dott. Luigi Mastronardi, è obbligatoria.

INFO: 06.440.43.69


===============================================

Organizzato dalla SOCIETA' ITALIANA di SCIENZE UMANE da Sabato 7 febbraio 2004 si terrà il Corso di
specializzazione in Floriterapia : " I FIORI DI BACH NEI PROBLEMI PSICOLOGICI - uso e prescrizione nella
pratica clinica ".
Il Corso è suddiviso in due Moduli che si terrano presso il Nicotel - Hotel & Resort di BISCEGLIE (BARI) nei
week-end del 7/8 febbraio e 6/7 marzo condotti dal Dott. GIANNI FERRUCCI psicologo psicoterapeuta,dirigente
sanitario ASL Bari 4 e floriterapeuta.
Il Corso con una didattica pratica e teorica offrirà gli strumenti per una adeguata conoscenza dell'uso e dei
significati dei Fiori di Bach integrati in un contesto specialistico specifico ed ,in particolare,alla psicoterapia
ed ai problemi della personalità.
Al termine verrà rilasciato un Attestato formalmente valido ai fini curricolari.
Per adesioni ed informazioni si può telefonare alla Segreteria della Società Italiana di Scienze Umane:
tel. 335.7268643 o e-mail : sisu.it@tiscali.it



Articoli correlati
Numero 14
Numero 19
Numero 33
Numero 37
Numero 39
Numero 6
Numero 7
Erbe e principi

Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Access denied for user 'naturvit_natur'@'localhost' (using password: YES) in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 128

Warning: mysql_select_db() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 129

Warning: mysql_query() expects parameter 2 to be resource, boolean given in /home/naturmed/public_html/include/funzioni.php on line 153
Peccato! query fallita:
  • errorno=0
  • error=
  • query=SELECT * FROM tbl_content WHERE tbl_content.id_content = 38